Il caffè/tè Alessi

COD: MSPOON - set di 8 cucchiaini da caffè
€ 52.00
Disponibile
Quantità

Wiel Arets

Wiel Arets (1955) è un architetto di fama internazionale. Si è diplomato alla University of Technology di Eindhoven, Olanda, nel 1983, dove ha conseguito un master in architettura. Lo stesso anno apre il suo studio, e in poco tempo comincia a svolgere la sua attività su tutto il territorio europeo. I suoi progetti e i suoi scritti sono pubblicati in tutto il mondo. A partire dal 1989 ha insegnato in maniera pressoché continuativa nelle più importanti università. Dal 1995 al 2001 ha assunto l’incarico di preside del Berlage Institute di Rotterdam, e, nel 2012, del College of Architecture (CoA) dell’ Illinois Institute of Technology (IIT) a Chicago. In qualità di critico, è stato presidente della giuria della Biennale di Architettura di Venezia nel 2012, e a capo della giuria dell’European Union Prize for Contemporary Architecture—Mies van der Rohe Award nel 2013. Nel 2014 ha istituito, in collaborazione con il CoA, il premio Mies Crown Hall Americas Prize (MCHAP), di cui presiede la commissione.

Denton Corker Marshall

Lo studio australiano Denton Corker Marshall Pty Ltd è stato fondato nel 1972, a Melbourne, da Barrie Marshall, John Denton e Bill Corker, dopo aver frequentato insieme la facoltà di architettura dell’Università di Melbourne. Lo studio annovera oggi sedi anche nelle città di Sidney, Hong Kong, Jakarta, Singapore, Ho Chi Minh, Londra e Varsavia, per uno staff complessivo di oltre 160 dipendenti. Lo studio si occupa di architettura, pianificazione urbanistica, architettura d’interni e del paesaggio, e conta tra i suoi clienti grandi compagnie private ed enti governativi australiani e internazionali. Lo studio ha sviluppato progetti a tutte le scale, dalla residenza privata ai piani di riqualificazione urbana, ricevendo numerosi premi e riconoscimenti. Tra le realizzazioni più significative, le ambasciate australiane a Tokyo e a Pechino, la First Government House a Sidney (che comprende una torre di 64 piani e il Museum of Sidney), il Melbourne Exhibition Centre e il Museum of Victoria a Melbourne. Nel 1996 John Denton, Bill Corker e Barrie Marshall sono stati insigniti della medaglia d’oro del Royal Australian Institute of Architects.

Hani Rashid

Nato al Cairo nel 1958, Rashid ha studiato architettura in Canada e negli USA prima di aprire nel 1988 lo Studio Asymptote a New York. Insegna in varie parti del mondo, e con il suo studio ha prodotto un corpo di lavori che lo collocano nell’avanguardia del digital design. I suoi progetti spaziano dalle installazioni spaziali sperimentali all’architettura digitale. Tra gli esempi più innovativi: il progetto della zona commerciale virtuale per il New York Stock Exchange e il progetto del Guggenheim Virtual Museum, ambedue concepiti come ambienti architettonici multidimensionali, navigabili e interattivi.

Jean Nouvel

Nato a Fumel, in Francia, nel 1945, Jean Nouvel, architetto e urbanista, si è formato prima a Bordeaux e poi all’École des Beaux-Arts di Parigi, dove nel 1971 ha conseguito il Diplome par le Gouvernement. Dopo una prima esperienza di collaborazione nello studio di Claude Parent, nel 1970 ha aperto il suo primo studio professionale con François Seigneur. Nel 1988 ha fondato la Jean Nouvel, Emmanuel Cattani et Associés (sino al 1994). È stato cofondatore del Movimento architetti francesi (1976) e del Syndicat de l’Architecture (1979); ha fondato e diretto la Biennale di architettura all’interno della Biennale di Parigi (1980); è stato vicepresidente dell’Institut Français d’Architecture (1991). Dal 1983 ha ricevuto numerosi premi e riconoscimenti nazionali e internazionali, tra i quali il Leone d’oro della Biennale di Venezia (2000), la Medaglia d’oro del Royal Institut of British Architects (2001) e il Praemium Imperiale (2001). Tra le sue opere principali si ricordano l’Institut du Monde Arabe (Parigi 1981-87), il rinnovamento dell’Opera di Lione (1986-93), la Fondazione Cartier per l’arte contemporanea (Parigi 1991-94), le Galeries Lafayette a Berlino (1991-96), il centro culturale di Lucerna (1993-2001).

William Alsop

William Alsop, architetto e artista inglese di Northampton (1947), dopo gli studi presso la Architectural Association a Londra, ha lavorato con Cedric Price, con Roderick Ham e con Jan Störmer sino all’inizio del 2001, quando è stato avviato l’ufficio Alsop Architects, con sedi a Londra, Rotterdam e Mosca. Tra i progetti più significativi realizzati in questi anni il Ferry Terminal ad Amburgo, il Cardiff Barrage & Visitor Center, l’Hotel du Département a Marsiglia, le stazioni di Tottenham Hale e di North Greenwich a Londra, la sede Reuters a Mosca e l’archivio di Stato ad Amburgo. Il lavoro e i progetti di Alsop hanno ricevuto numerosi riconoscimenti e premi. L’attività professionale è sempre stata integrata con l’insegnamento, dapprima come tutor in scultura presso la St Martin’s School of Art a Londra, poi come docente universitario in prestigiosi atenei internazionali. chbau.

Doriana e Massimiliano Fuksas

Lo studio Fuksas, guidato da Massimiliano e Doriana Fuksas, è uno dei più affermati studi internazionali di architettura nel mondo. Negli ultimi 40 anni lo studio ha sviluppato un approccio innovativo attraverso una sorprendente varietà di lavori, che spaziano da interventi urbani ad aeroporti, da musei e luoghi per la cultura a spazi per la musica, da centri congressi a uffici, da progetti di interni a collezioni di design. Con sede a Roma, Parigi e Shenzhen, e uno staff di 170 professionisti, lo studio ha all'attivo oltre 600 progetti ed ha realizzato opere in Europa, Africa, America, Asia e Australia, ricevendo numerosi riconoscimenti internazionali.

Toyo Ito

Toyo Ito è nato nel 1941. Si è laureato in architettura all’università di Tokyo nel 1965. Dal 1965 al 1969 ha lavorato presso lo studio di Kiyonori Kikutake, uno degli aderenti al movimento Metabolism. Nel 1971 ha aperto un proprio studio a Tokyo, denominato, fino al 1979, Urban Robot (URBOT) e, in seguito, Toyo Ito & Associates, Architects. Professore onorario della University of North London, ha insegnato alla Columbia University di New York (1991-92 e 1994-95), al Berlage Institute di Amsterdam (1992) e alla Harvard University di Boston (1994-95 e 1995-96). Ha partecipato a numerose mostre personali e collettive e a grandi concorsi internazionali, tra i quali quelli per la Maison de la culture du Japon a Parigi (1990), per la biblioteca dell’Università di Parigi (1992), per l’ampliamento del Museum of Modern Art di New York (1997) e per il Centro per le arti contemporanee di Roma (1999). Tra i vari premi e riconoscimenti ricevuti: il premio dell’Istituto di Architettura Giapponese per la casa Silver Hut (1986); il premio della città di Kumamoto per lo Yatsushiro Museum (1991) e per la Yatsushiro Fire Station (1996); il premio Interarch ’97, medaglia d’oro dell’Unione degli Architetti della Bulgaria (1997); il premio intitolato ad Arnold W. Brunner dall’American Academy of Fine Arts (2000); il World Architecture Award East Asia per la Mediateca di Sendai (2002). Tra le principali opere recenti: l’installazione Helath Future all’Expo 2000 di Hannover; la Mediateca di Sendai (1997-2001); un padiglione d’alluminio a Bruges, in Belgio (2000-02). Tra i progetti in corso di elaborazione: l’ospedale Cognacq-Jay a Parigi; la M-Hall a Matsumoto, Nagano; la torre degli uffici Mahler 4 ad Amsterdam.

David Chipperfield

Sir David Chipperfield CBE, RA, RDI, RIBA, Britannico, nasce a Londra nel 1953. Studia alla Kingston School of Art e presso l’Architectural Association di Londra. Dopo la laurea, compie il suo apprendistato negli studi di Douglas Stephen, Richard Rogers e Norman Foster. Nel 1984 fonda il David Chipperfield Architects, uno studio che attualmente conta oltre 200 collaboratori sparsi negli uffici di Londra, Berlino, Milano e Shanghai. Lo studio ha vinto numerosi concorsi nazionali e internazionali, nonché diversi premi e citazioni in tutto il mondo, grazie al design di eccellenza che riesce a offrire. Tra questi, ricordiamo i premi “RIBA” e “AIA” e il Premio Stirling 2007. Nel 1999 David Chipperfield ha ricevuto la medaglia d’oro Heinrich Tessenow. Nel 2004 diventa membro onorario dell’Accademia Fiorentina di Arte e Design e viene nominato anche Comandante dell’ordine dell’Impero britannico (CBE), per i servizi resi all’architettura. Nel 2006 viene nominato Royal Designer for Industry (RDI) e nel 2007 diventa membro onorario dell’American Institute of Architects (AIA, l’associazione degli architetti degli Stati Uniti), e della Bund Deutscher Architekten (BDA, l’associazione degli architetti tedeschi). Nel 2008 viene eletto Royal Academician (RA) e ottiene un dottorato onorario dalla Kingston University. Nel 2009 viene insignito dell’ordine al merito dalla Repubblica Federale Tedesca: si tratta del massimo riconoscimento che una persona possa ottenere per i servizi resi alla nazione. Inoltre, nella “UK New Year Honours” del 2010 viene nominato Knight Bachelor (cavaliere) per i servizi resi all’architettura in Gran Bretagna e Germania. Sempre nel 2010 vince il premio della Fondazione Wolf, nel campo delle arti e il Grand DAI Award (dall’Assemblea Generale degli Architetti e Ingegneri Tedeschi), per la cultura dell’edilizia. Nel 2011 David Chipperfield riceve la medaglia d’oro RIBA per l’architettura, un riconoscimento per il lavoro svolto nel corso di una vita e approvato personalmente dalla Regina d’Inghilterra. David Chipperfield ha insegnato e tenuto conferenze ovunque. È stato professore di architettura presso la Staatliche Akademie der Bildenden Künste di Stoccarda e visiting professor in numerose scuole di architettura in Austria, Italia, Svizzera, Regno Unito e Stati Uniti. Attualmente è professore onorario presso la University of the Arts di Londra.

Carrello

[[ITEM]] è stato aggiunto al tuo carrello
[[ITEM]] è stato aggiunto alla tua wishlist
Welcome [[ITEM]] your newsletter subscribtion has been confirmed
Your item has been removed from your Wishlist!